Valle Stura Hike & Bike: l’entroterra riparte dal turismo Outdoor

La Valle Stura come esempio di turismo sostenibile e di uno stile di vita a misura d’uomo

Dopo mesi di restrizioni dettati dalla crisi pandemica di questi ultimi tempi, sembra proprio che sia esplosa la voglia di vacanze e di sport outdoor: indice di questa ritrovata libertà è il rinnovato interesse per il nostro territorio e l’entroterra ligure in generale. Da anni le nostre valli non vivevano una così forte presenza di visitatori e turisti alla ricerca di uno stile di vita più sano e meno frenetico rispetto alla città. In virtù di questo, la Valle Stura non si è fatta  cogliere impreparata tanto che a inizio giugno, grazie all’intraprendenza di Simone Piombo, consigliere delegato per il Comune di Campo Ligure al Turismo Outdoor e Parchi è nata la nuova A.S.D “ Valle Stura Hike & Bike” con l’obbiettivo di valorizzare i comuni Valligiani attraverso il turismo outdoor (mountain-bike, escursionismo e equitazione)  e di rappresentare e coordinare  sotto un ente riconosciuto tutti i volontari che da sempre mantengono puliti i trail e i sentieri della nostra Valle. Piombo ci racconta come “l’ASD sarà la colonna portante di tutto il progetto del turismo outdoor della intera Valle Stura, partendo comunque da basi molto buone e solide”, aggiunge il Consigliere, ”I Volontari , che da sempre tengono puliti i vostri sentieri, hanno permesso, di avere già a disposizione del turista ben 53 km di sentieri districati per tutta Valle, con traccia Gps e colori Verde/Blu/Nero/Rosso in base alla difficoltà e inseriti nell’App “TrailForks” la prima applicazione per gli appassionati soprattutto di MTB e per questo colgo l’occasione di ringraziarli calorosamente. Ora con L’ASD vogliamo consolidare questa grande eredità e valorizzarla per migliorarla ulteriormente”.  Il Consigliere ci racconta. inoltre, dei progetti dell’amministrazione per il futuro: “ Tra pochi giorni partiranno i lavori per la riqualificazione di due sentieri storici per il nostro Comune: il Percorso Verde e il Sentiero “Intense” (Campo Ligure – Pavaglione – Dente) ed è stata studiata e redatta l’intera Cartellonistica sia per L’escursionismo sia per la MTB con oltre 200 cartelli e 7 pannelli informativi, con le mappe diversificate per le diverse pratiche sportive e il codice QR per l’app e infine stiamo valutando insieme alla ASD l’apertura di nuovi sentieri anche storici. Chiude Piombo raccontandoci del neonato progetto “Campo Ligure Outdoor”: “Si tratta del primo programma di eventi interamente dedicato all’Outdoor della Valle Stura che copre per intero il nostro territorio comunale, dal Pavaglione al Pracaban e che mette in risalto le aziende agricole del nostro comune collegando le bellezze del centro storico con la Natura che lo circonda. Colgo l’occasione per invitarvi a visionare il programma di Luglio sulle pagine Social di  “ Campo Ligure Turismo”, tra cui il 18 Luglio , il 1° Raduno MTB della Valle Stura, organizzato insieme alla neonata ASD”.

Dopo il Comune di Campo Ligure abbiamo raggiunto il  Vicesindaco di Masone Omar Missarelli che ci ha illustrato la sua strategia in merito per consolidare un trend che potrebbe svelarsi molto positivo: “Innanzi tutto siamo contenti di annunciare la nascita di una nuova associazione sportiva dilettantistica, la Hike and Bike, che intende valorizzare le attività in mountain bike sul nostro territorio, in collaborazione con i comuni limitrofi”, spiega Missarelli, “per quanto riguarda la eco-sostenibilità, siamo felici di annunciare che abbiamo pronte due colonnine per ricaricare le e-bike: una in paese ed una che sarà probabilmente installata nei pressi del Forte Geremia; inoltre una ditta del posto ha ottenuto l’appalto di 4500 Euro e portato a termine il lavoro per la sistemazione di quattro sentieri locali di grande interesse turistico, soprattutto per le discese in mountain bike. Sono stati poi puliti privatamente altri sentieri”, aggiunge Missarelli, “nell’ottica di progettare un tracciato Gps con diversi colori in base alle difficoltà. Questa amministrazione ha poi portato a termine la sistemazione della “strada delle Sotte” (per un importo di 14.000 Euro) da tempo inagibile, l’unica che collega la valle Stura alla val Vezzulla. Ora è percorribile anche dai veicoli oltre che pedonalmente, in modo da poter essere usata anche in caso di emergenza. Per il futuro invece abbiamo in programma di installare una nuova cartellonistica, dedicata ai camminatori e alle mountain bike e creare un’app dedicata alla sentieristica. Vogliamo infine implementare la nostra offerta di percorsi e a tal proposito stiamo pensando anche ad un circuito sentieristico di ben 33km che sale dal Monte Tacco, prosegue verso la località Laiasso per dirigersi poi in località Vezzulla e risalire alla Cappelletta di Masone. Il progetto è molto ambizioso, ma la nostra volontà è forte e sappiamo che il territorio ha una grande potenzialità ancora inespressa e per questo ci crediamo”.

Non solo l’amministrazione locale, ma anche la cronaca nazionale si è interessata a questo angolo meraviglioso di territorio ligure: infatti grazie anche al supporto del Consorzio Zena Trail Builders, qualche giorno fa una troupe di Studio Aperto Sport ha girato un servizio presso il Forte Geremia sulle bellezze turistiche di Masone e della Valle Stura.

Ma la rinascita dell’entroterra non riguarda solo il turismo: “Abbiamo istituito una borsa di studio intitolata al nostro compianto Sindaco Enrico Piccardo e dedicata ai tre migliori studenti masonesi con la più alta media universitaria” spiega Missarelli, “inoltre da quest’anno alla famiglia di ogni bambino nato a Masone elargiremo un bonus bebè del valore di 500 euro”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.