Dai sindaci dell’ovadese riceviamo e pubblichiamo: “Cari cittadini della zona Ovadese” e aggiungiamo un appello del Sindaco di Acqui Terme, Lorenzo Lucchini, giunto oggi in redazione.

Cari concittadini dell’ovadese

Scriviamo questa comunicazione per dirvi ad una sola voce che questo weekend sarà decisivo per la lotta al COVID-19.

In questa lotta abbiamo bisogno della collaborazione di tutti.

Vi ricordiamo che con ordinanza emanata ieri sera (20 marzo 2020) dal Ministero della Salute ed a valere su tutto il territorio nazionale, è fatto divieto di:

  1. accedere a parchi, ville, giardini, aree gioco e giardini di carattere pubblico,
  2. svolgere attività ludica o ricreativa all’aperto, ad eccezione di attività motorie individuali in prossimità della propria abitazione e sempre comunque mantenendo la distanza di almeno un metro l’uno dall’altro,
  3. la somministrazione di alimenti e bevande in stazioni, aree di servizio carburante, ad eccezione dei servizi forniti nella rete autostradale, negli ospedali e negli aeroporti,
  4. spostarsi verso residenze secondarie da venerdì a lunedì.

È evidente che questa ulteriore stretta alla nostra mobilità è determinata della parziale inosservanza delle misure adottate in precedenza e ne consegue che saranno più stringenti e frequenti i controlli delle Forze dell’Ordine, compresa la Polizia Locale.

Le ragioni sono nei numeri: nei casi di pazienti riscontrati positivi, dei decessi, troppi, e nell’indeterminatezza della possibile estensione del fenomeno.

Come dicevamo in apertura abbiamo bisogno della collaborazione e del contributo di tutti.

STIAMO IN CASA e aderiamo con generosità ad una delle diverse raccolte di fondi che sono state attivate dalla Protezione Civile Nazionale, dalla Regione, dalla Provincia e dalla nostra Zona.

Pubblicheremo questo appello su tutti i nostri social e vi invitiamo a rilanciarlo a tutte le vostre associazioni, gruppi e contatti personali.

I Sindaci della Zona Ovadese

Dal profilo facebook di Rita Bergaglio abbiamo estrapolato questo video registrato ieri 22 marzo 2020 dal Sindaco di Acqui Terme, Lorenzo Giuseppe Lucchini, finalizzato a dare un contributo importante in questa emergenza sanitaria

Lettera a sostegno dei medici e degli operatori dell'Ospedale Monsignor Galliano, irrinunciabile presidio sanitario del territorio.

Oggi, 22 marzo, sono stato virtualmente unito ai Sindaci dell'Acquese, al sindaco di Ovada, ai Sindaci della Valle Bormida e dei Comuni dell'Astigiano, le cui popolazioni da sempre fanno riferimento alla struttura ospedaliera di Acqui Terme, per un temporaneo e simbolico presidio davanti al Monsignor Galliano.Tale iniziativa vuole essere un segno di vicinanza e supporto a tutti gli operatori della struttura, medici, infermieri, oss e tutto il personale, così come al personale delle Case di Riposo e di Villa Igea, che da giorni lavorano instancabilmente con grande spirito di sacrificio e, malgrado le condizioni di difficoltà, continuano ad operare con la consueta professionalità per fronteggiare questa epocale emergenza.Il Monsignor Galliano rappresenta, mai come ora, un polo sanitario fondamentale, potendo garantire ad un'ampia parte di popolazione servizi indispensabili e di altissimo livello: è per questo che si sottolinea la necessità di rafforzare questa struttura, per troppo tempo sottovalutata e sottoposta ad un inopportuno processo di depotenziamento. Evidenziamo come questo Ospedale, potendo disporre di spazi ampi ed adeguati, sala operatoria funzionante e di due accessi separati e distinti, può garantire in tutta sicurezza la sua completa operatività e, contemporaneamente, assistenza e cure appropriate alle esigenze dei nuovi pazienti Covid-19. Anche l'Ospedale di Ovada può, soprattutto in questo momento di emergenza, fornire un importante apporto. Inoltre, la città di Acqui ha ottenuto la disponibilità di proprietà e dirigenza di Villa Igea ad attivarsi a supporto della rete sanitaria provinciale, come da Decreto legge del 17 marzo scorso. Esprimiamo dunque gratitudine e sostegno a tutto il personale dell'Ospedale, di Villa Igea, delle Residenze per Anziani, e ci impegniamo a lavorare affinché possa continuare a prestare la propria preziosa opera nel miglior modo possibile ed in completa sicurezza. Alla popolazione dei nostri territori vogliamo altresì assicurare che tutto verrà fatto per mantenere e rafforzare l'operatività di questo irrinunciabile presidio ospedaliero, a tutela del principale diritto di tutti alla salute. Ringrazio Mario e Alberto Cavanna per la realizzazione di questo video.LA LISTA DEI COMUNI ADERENTI (IN AGGIORNAMENTO):Comune di Acqui Terme; Comune di Alice Bel Colle; Comune di Bistagno; Comune di Bruno; Comune di Bubbio; Comune di Cartosio; Comune di Cassinasco; Comune di Cassine; Comune di Castel Boglione; Comune di Castel Rocchero; Comune di Castelletto Molina; Comune di Castelnuovo Bormida; Comune di Cavatore; Comune di Cessole; Comune di Denice; Comune di Fontanile; Comune di Grognardo; Comune di Loazzolo; Comune di Malvicino; Comune di Maranzana; Comune di Melazzo; Comune di Merana; Comune di Mombaldone; Comune di Mombaruzzo; Comune di Monastero Bormida; Comune di Montabone; Comune di Montechiaro d'Acqui; Comune di Morbello; Comune di Olmo Gentile; Comune di Ovada; Comune di Ponti; Comune di Ponzone; Comune di Quaranti; Comune di Ricaldone; Comune di Rivalta Bormida; Comune di Roccaverano; Comune di Rocchetta Palafea; Comune di San Giorgio Scarampi; Comune di Serole; Comune di Sessame; Comune di Strevi; Comune di Terzo; Comune di Vesime; Comune di Visone.

Pubblicato da Lorenzo Lucchini su Domenica 22 marzo 2020

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.