IL “GNOCCHETTO DI OVADA”: UN TELENOVELA INFINITA

Una frase da scolpire nel marmo: “Bisogna ragionare in termini di territorio!”

Da quasi tutti i politici che ci è capitata l’occasione di intervistare e durante tutte le campagne elettorali recenti e meno recenti, abbiamo sempre sentito la fatidica frase: “Io ragiono in termini di territorio!”.

Bella questa frase da scolpire nel marmo, perché è così che un amministratore oculato dovrebbe ragionare per il bene della propria città o paese, che deve essere una realtà singola facente parte di un tutto!

Non come pensavano, per non andare tanto lontano, quei politici locali del 1952 che decretarono la fine della linea ferroviariaOvada – Novi”, destinando in tal modo tutto l’ovadese al suo attuale isolamento.

Oppure quei politici della Valle Stura che, al momento della realizzazione dell’Autostrada dei Trafori, non andarono a Genova a “picchiare i pugni sul tavolo” e pretendere, come oneri di compensazione per il disastro idrogeologico che la costruzione di una tale opera avrebbe comportato alla Valle, la creazione di una viabilità ordinaria e la riqualificazione dell’allora Strada Statale del Turchino, sia nel tratto piemontese (Ovada – Gnocchetto), sia nel tratto Ligure (Gnocchetto – Voltri).

Ma un conto sono le parole e i proclami e un conto l’agire politico. E l’agire politico praticamente ha lasciato in “braghe di tela” tutto l’ovadese e la Valle Stura!!!!

C’è voluta infatti la tragedia del Ponte Morandi e il disseto idrogeologico per far capire a tutti che ormai il “re è nudo”!!!!!

Ieri, venerdì 15 gennaio 2021, siamo ritornati con le nostre telecamere a Gnocchetto per constatare “de visu” lo stato dell’arte e dobbiamo dire che abbiamo visto – come risulta dalle interviste nel filmato allegato a questo articolo – che tutto è rimasto come nel 2020.

La frana è sempre lì e sempre lì vi sono i new jersey, le sbarre e i lucchetti.

Un piccolo “Muro di Berlino” dunque dove dal di qua non si può andare al di là!

Sembra che il 15 aprile 2021 l’ex strada statale del Turchino passi all’ANAS. Speriamo!!!!

Ma nel frattempo i sindaci dell’ovadese e quelli della Valle Stura cosa faranno per rendere meno gravoso il disagio di chi deve adoperare questo tratto di strada per lavoro o necessità?

Gian Battista Cassulo

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.