AUTOBUS IN TILT, STUDENTI IN RITARDO!

Non c’è pace per chi deve giungere ad Ovada dalla Valle Stura. Oltre ai disagi sulla A26 e all’interruzione della strada provinciale al Gnocchetto, ora ci si mettono anche i guasti degli autobus. Ecco qui di seguito una lettera che ci giunge in redazione dal Gruppo Viabilità valli Stura e Orba!

Primo giorno di ripresa della didattica in presenza nelle scuole in Piemonte e subito primi guai per gli studenti delle Valli Stura e Orba.

A causa dell’avaria di un mezzo sulla A26 nel tratto Ovada-Masone, su cui insistono ancora numerosi cantieri e per un tratto il doppio senso di marcia su unica carreggiata, si sono venuti a creare disagi, code e rallentamenti con la conseguenza del blocco del pullman che avrebbe dovuto raccogliere gli studenti liguri e portarli nelle scuole dell’Ovadese.

I ragazzi sono stati costretti ad aspettare a lungo il mezzo alla fermata arrivando con notevole ritardo in aula.

A seguito dei problemi sull’autostrada, va rimarcato altresì che in località Gnocchetto si sono ritrovate auto e camion, nella vana speranza di trovare Mezzi che hanno desolatamente e con difficoltà in seguito all’intasamento che si è venuto a creare, dovuto far ritorno verso i caselli autostradali di Masone e di Ovada per imboccare nuovamente l’autostrada nell’attesa che il traffico si regolarizzasse

Questa situazione rimarca ancora una volta come sia impossibile proseguire con la chiusura senza soluzione della Strada Provinciale 456 in località Gnocchetto in quanto la condizione delle autostrade (per cui tuttora, nonostante le promesse, paghiamo il pedaggio) non le rende un’alternativa affidabile, così come non può esserlo la piccola strada montana del Termo che collega Rossiglione a Costa d’Ovada.

È urgente trovare quindi il modo di ripristinare il passaggio in località Gnocchetto prima che venga trovata una soluzione definitiva ai problemi col passaggio ad Anas.

Passaggio che comunque non avverrà prima di aprile, con lavori ancora da cantierizzare!

Giacomo Oliveri – Gruppo viabilità Valle Stura e Orba

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.