LA SOLITARIA PANCHINA DI TANA D’ORSO

Una volta si diceva che “anche l’occhio vuole la sua parte“. Oggi invece potremmo dire che “ogni paese vuole la sua panchina”. Gigante, s’intende. L’ultima arrivata infatti delle ormai più di 100 installate nel nostro Paese, è stata collocata (come si legge su Il Secolo XIX del 7 maggio 2021, pag. 25) in località Tana d’Orso, nel Comune di Ronco Scrivia, a due passi dal “Sentiero degli Alpini” e abbiamo deciso di andare a vederla

Dopo aver lasciato la frazione di Porale, e percorso l’ultimo tratto della tortuosa strada che arriva alla Chiesetta degli Alpini e all’aquila bronzea degli alpini, in località Tana d’Orso, si parcheggia l’auto e, percorsi a piedi un centinaio di metri, si arriva alla panchina posta sul crinale. Il sentiero sulla costa, accessibile a tutti, ci fa scoprire tutta la vallata ai piedi della frazione che il Prof. Giovanni Meriana descriveva così: “In capo a terreni pianeggianti, ben lavorati, fertilissimi, vi sono poche case abitate dai sopravvissuti alla diaspora che ha spopolato l’Appennino. Così la vasta conca di questo straordinario paese conosce ancora i segni dell’antico amore per la terra”.

Mentre si prosegue ammirando il luogo, silenzioso ed aspro, eccola spuntare piano alla vista; lì, ferma e solitaria, con il suo colore sgargiante che però ben si accompagna al panorama. Una breve sosta di rito sdraiati sopra ci fa scoprire la calma e la pace del luogo.

Tornando alla vettura parcheggiata vicino alla cappelletta abbiamo incontrato per caso un uomo anziano che non ha voluto farsi fotografare ma che ha detto di esser stato presente il giorno della posa “È stata portata qui con un grande carrello e poi fino al punto dell’installazione con una gru montata su cingoli. È stato un lavoro complicato, ma ne è valsa la pena”.

Anche noi siamo della stessa opinione. Anche Ronco e la Valle Scrivia ora hanno la loro panchina gigante, la 131° di colore lillà. Da lì si possono vedere le case arroccate delle piccole frazioni, il Comune a valle, la chiesetta posta sul vicino Monte Alpe e, più in la a perdita d’occhio il Monte Fasce e alcuni antichi forti a difesa di Genova.

Fausto Cavo

LE PANCHINE GIGANTI IN LIGURIA

In Liguria, fino a poche settimane fa, le panchine giganti erano cinque (Panchina del cuore a Roccavignale – SV, Panchina Gigante Rossa a Ventimiglia – IM, Panchina Riva Ligure a Riva Ligure – IM, Panchina Gigante Azzurra N. 15a Roccavignale – SVPanchina Gigante Blu, n. 116 a RossiglioneGe) ora da maggio 2021 ce n’è una in più ed è questa di Ronco Scrivia (Ge) in località “Tana d’Orso”. Nota di queste cinque panchine sono solo tre quelle che fanno parte del circuito delle “Big Bench

Le “panchine giganti” vennero ideate dieci anni fa dal designer statunitense Chris Bangle che ne realizzò una a Clavesana un piccolo comune in provincia di Cuneo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.