IL CALDO AUTUNNO DELLA VALLE SCRIVIA

Un tempo c‘era “L’AUTUNNO CALDO” con scioperi e rivendicazioni sindacali, il tutto condito con scontri politici vari. Oggi c’è “l’autunno caldo” meteorologico. Dal nostro corrispondente per la Valle Scrivia, Fausto Cavo, riceviamo e pubblichiamo questa sua condivisibilissima osservazione

Nei discorsi altisonanti dei “Grandi della Terra” appena ascoltati in occasione dell’appena passato G20 di Roma o della COP26 di Glasgow si è palesato, perlomeno a parole, tutto l’impegno nel voler arrestare il riscaldamento climatico dovuto alle attività produttive, o meglio “umane”, che ha già portato a notevoli cataclismi di compensazione in giro per il globo

In Valle Scrivia, fortunatamente non si può parlare di incendi o desertificazione selvaggia che avanza come in Sahel. La vita scorre lenta e tranquilla tra le colline della Valle e i suoi piccoli centri come sempre, aspettando un’altra volta il Natale che fortunatamente, forse, quest’anno sarà caratterizzato nuovamente dalla libertà di spostamenti e di poter far festa con parenti ed amici.

Però ad osservar bene qualche differenza si nota: è iniziato novembre, e dalla metà della mattinata fino alla sera il clima è particolarmente mite, molte le giornate soleggiate dalla temperatura che decisamente invita alle passeggiate e alle attività all’aria aperta. È la norma uscire senza abbottonarsi la giacca, indossare un cappello o una sciarpa e vedere segnati sui termometri delle farmacie temperature primaverili. A ricordare che si è giunti a novembre solo il cader delle foglie ingiallite. Eppure mi ricordo, quando ero bambino nei primi anni ’90 i pomeriggi di freddo pungente, l’aria asciutta che penetrava attraverso la giacca. Novembre era il primo mese di nevicate in Valle Scrivia.

Ma qualcuno gioirà e benedirà il surriscaldamento globale. Il gas naturale usato per riscaldare le abitazioni del resto, ha subito un notevole aumento proprio ora.

Fausto Cavo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.