In Piemonte strutture e cure per tutti

Replica dell’On. Molinari alla deputata Fregolent

Gravi gli attacchi della Fregolent nei confronti di Icardi”, queste le prime parole severamente espresse dal Capogruppo della Lega alla Camera dei Deputati, nonché Segretario della Lega Piemonte, On. Riccardo Molinari.

La dura reazione segue le dichiarazioni di Silvia Fregolent, deputata del gruppo di Italia Viva, la quale, attaccando l’operato della Giunta Cirio, ha sollevato accuse circa una gestione fallimentare e disastrosa dell’emergenza da parte dell’amministrazione regionale piemontese.

A differenza di come dice lei” prosegue Molinari “in Regione i posti letti stanno aumentando e in poche settimane le terapie intensive sono raddoppiate. L’ospedale di Verduno è in corso di potenziamento e nelle ex Ogr di Torino(Ndr.: Officine Grandi Riparazioni) sta per essere allestita una struttura da campo dedicata ai pazienti Covid. Tutto questo nonostante l’eredità pesantissima lasciata dal centro sinistra in Piemonte con una sanità distrutta. Da piemontese dovrebbe sapere che, ad esempio, questa giunta ha ereditato tutti gli amministratori del centro sinistra delle aziende sanitarie locali, molti dei quali sono stati commissariati proprio a causa del non funzionamento della rete territoriale. Nonostante lo smantellamento della rete territoriale trovato ed il blocco dei Dpi (Ndr.: Dispositivi di protezione individuale) da parte dell’unità di crisi che ha costretto ogni azienda sanitaria a comprarli in proprio, si è riusciti ad assicurare un trattamento ospedaliero a tutti, a non far mancare ad un solo paziente la terapia intensiva e a fornire anche ai medici di base le mascherine”.

A conclusione il Capogruppo alla Camera precisa “Non solo: sono stati triplicati i posti in terapia sub intensiva. Ad inizio crisi c’erano solo 2 laboratori in grado di fare qualche tampone, oggi ce ne sono 18 che ne processano 4 mila al giorno. Alla mala gestione lasciata in eredità dal centro sinistra questa giunta ha risposto e continuerà a farlo con i fatti”.

In sostanza strutture in aumento e cure per tutti nella Regione Piemonte.

Questa dunque la decisa replica dell’On. Molinari diffusa attraverso un comunicato dell’Ufficio Stampa della Lega in data 9 aprile scorso.

Samantha Brussolo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.