Home | Archeologia | Il Castello di Nicastro

Il Castello di Nicastro

Uno scorcio del castello

Uno scorcio del castello

Quella del Medioevo è stata un’epoca importante per lo sviluppo territoriale ed economico della Calabria. Tra i simboli di quel periodo molto lontano spicca il castello di Nicastro. Intorno all’origine della città c’è tutta una ridondanza di leggende, tesi più o meno attendibili e tradizioni e, secondo alcuni studiosi, l’abitato sorse in epoca ellenistica.

E’ opinione comune tra gli specialisti che la fortificazione di Nicastro ebbe origini molto antiche: secondo alcuni, furono infatti i Bizantini, nel IX secolo, a costruire il primitivo castrum per accogliere un presidio militare e controllare così il territorio da eventuali incursioni longobarde. I resti del castello si trovano a circa 300 metri sul livello del mare sul colle di San Teodoro, a strapiombo sul torrente Canne, in una posizione strategica a difesa dell’intera piana di Sant’Eufemia.

Dati più sicuri attribuirebbero però la costruzione del castello al periodo normanno, cioè tra la fine del XI e l’inizio del XII secolo. In epoche successive vennero effettuati lavori di ampliamento, restauro e di rafforzamento della fortificazione e delle strutture murarie grazie al volere di Costanza d’Altavilla prima e Federico II poi. Nel periodo feudale fu trasformato in una residenza nobiliare e nel corso del ‘600 fu adibito a prigione. A causa dei continui terremoti che sconvolsero la regione, in particolare quello del 1638 e quello del 1783, la rocca venne lentamente svuotata e definitivamente abbandonata.

Il castello visto da un'altra angolazione.

Il castello visto da un’altra angolazione.

Il Castello, nel 1993, fu teatro di alcune campagne di scavo e letture stratigrafiche degli elevati. Sono state individuate le diverse fasi costruttive dell’impianto ed è stata successivamente proposta l’idea della presenza di un dongione a pianta rettangolare che poi fu, in età federiciana, trasformato nella struttura poligonale con finestre in laterizi ancora oggi visibile in loco. Un’altra particolarità venuta fuori dalle indagini archeologiche è l’utilizzo nelle tessiture murarie della serpentina verde, cioè una roccia locale che caratterizza, per la sua abbondanza e reperibilità, buona parte dell’edilizia storica del comprensorio.

Nel 1992 il castello è stato restaurato dall’amministrazione comunale di Lamezia Terme con l’intento di preservarne i ruderi ancora presenti. Oggi è diventato una meta ambita di visitatori e turisti provenienti da tutta Europa e nei periodi estivi viene utilizzato come sede per la realizzazione di eventi culturali.

Gentile utente, ti ricordiamo che puoi manifestare liberamente la tua opinione con un commento all'articolo, che verrà moderato dalla redazione prima della sua pubblicazione. Affinché il tuo contributo possa essere pubblicato, dovrà attenersi alla Policy di utilizzo del sito: evita gli insulti, le accuse senza fondamento e mantieniti in topic.

Commenta l'articolo

Il tuo indirizzo e-mail non sarà pubblicato* Campi obbligatori *

*

Torna ad inizio pagina