Home | Alessandrino | Maltempo: ciò che spaventa di più ora è il rischio idrogeologico

Dopo l’alluvione di metà ottobre i terreni sono ancora più vulnerabili

Maltempo: ciò che spaventa di più ora è il rischio idrogeologico

Riceviamo e con piacere pubblichiamo

La Protezione Civile continua ad essere allertata: monitorato il territorio e i corsi d’acqua

A vent’anni dall’alluvione del 1994 e mentre non è ancora rientrata l’emergenza causata dalla piena di fiumi e torrenti che si è verificata a metà ottobre, ogni volta che piove si continua a parlare di messa in sicurezza dei fiumi e di rischio idrogeologico.

Ad Alessandria e provincia piove da ieri pomeriggio e, anche se nel pomeriggio è previsto un miglioramento, nelle zone maggiormente a rischio come Novese, Ovadese, Tortonese e Alessandrino la protezione civile continua ad essere in stato di allerta e i corsi d’acqua costantemente monitorati.

Per evitare esondazioni, per precauzione, anche il canale coutenza Carlo Alberto è stato chiuso. image

Campi nuovamente allagati e molte aziende in stato di allerta.

E, mentre a Spinetta Marengo il Rio Lovassina è uscito dal suo corso arrecando disagi alla circolazione, si torna a temere per il comune di Gavi, il paese del celebre vino bianco Docg, dove ieri sera alcune famiglie del centro abitato addossato alla collina del Forte a sono state addirittura evacuate per precauzione.

Le piogge che stanno interessando le zone del Novese e del Tortonese, assommate ai danni dell’alluvione del 13 ottobre, stanno infatti provocando ulteriori dissesti al territorio.

Non si contano gli allagamenti delle provinciali e il torrente Grue in particolare,  continua ad essere sorvegliato speciale.

“Si tratta di una condizione che crea forte preoccupazione infatti, – afferma il presidente provinciale Coldiretti Roberto Paravidino – i cambiamenti climatici con le precipitazioni sempre più intense e frequenti con trombe d’aria, grandinate e vere e proprie bombe d’acqua, si abbattono su un terreno reso più fragile dalla cementificazione e dell’abbandono delle aree marginali, ma anche della mancanza di programmazione adeguata che valorizzi il ruolo di chi vive e lavora sul territorio come gli agricoltori”.

“A questa situazione – continua il direttore della Coldiretti alessandrina  Simone Moroni – non è infatti certamente estraneo il fatto che un modello di sviluppo  sbagliato ha tagliato del 15 per cento le campagne e fatto perdere negli ultimi venti anni. 2,15 milioni di ettari di terra coltivata determinante nel mitigare il rischio idrogeologico. Ogni giorno viene sottratta terra agricola per un equivalente di circa 400 campi da calcio, ossia 288 ettari, che vengono abbandonati o occupati dal cemento che non riesce ad assorbire la violenta caduta dell’acqua”.

 

Coldiretti Alessandria
Gentile utente, ti ricordiamo che puoi manifestare liberamente la tua opinione con un commento all'articolo, che verrà moderato dalla redazione prima della sua pubblicazione. Affinché il tuo contributo possa essere pubblicato, dovrà attenersi alla Policy di utilizzo del sito: evita gli insulti, le accuse senza fondamento e mantieniti in topic.

Commenta l'articolo

Il tuo indirizzo e-mail non sarà pubblicato* Campi obbligatori *

*

Torna ad inizio pagina