Home | Magazine | Editoria, piccola inversione di tendenza nelle vendite di quotidiani

Dati in leggera ripresa per quanto riguarda il mese di gennaio

Editoria, piccola inversione di tendenza nelle vendite di quotidiani

 Un segnale di controtendenza, piccolo ma significativo, quello che riguarda le vendite di quotidiani.

Nel mese di gennaio diverse testate nazionali hanno infatti registrato un aumento delle vendite nelle edicole rispetto al mese di dicembre. Probabilmente questo dato è stato condizionato dalle elezioni politiche (sarà interessante quindi vedere i dati di febbraio). Ma sembra che, almeno per ora, si sia arrestata la pesante emoraggia che da diverso tempo caratterizza il mondo dell’editoria italiana.

Al primo posto con 293 mila copie giornaliere si posiziona “Il Corriere della Sera” (di cui quasi un terzo vendute nella sola Provincia di Milano) seguito con 203 mila copie da “La Repubblica” (il cui bacino di vendite maggiore è nella Provincia di Roma), terzo posto per “Il Sole 24 Ore” con 173 mila copie. Quarta piazza per “La Stampa” con 164 mila, in gran parte vendute a Torino e in Piemonte. In quinta posizione il primo dei quotidiani sportivi, ovvero “La Gazzetta dello Sport” (161 mila), poi il quotidiano cattolico “Avvenire”(113 mila) ed il primo delle testate locali, “Il Messaggero” di Roma con 104 mila, seguito da un altro quotidiano locale, “Il Resto del Carlino” di Bologna che registra 97 mila giornali venduti quotidianamente, chiudono la top-ten l’altro quotidiano sportivo “Corriere dello Sport-Stadio” (76 mila) e “La Nazione” di Firenze (71 mila).

Numeri generalmente in leggera ripresa, anche se bisogna vedere quanto questo dato è falsato dalle elezioni politiche, ma enormemente inferiori a quelli di qualche anno fa. È sempre di più infatti la percentuale di popolazione che si informa tramite i siti internet dei quotidiani stessi, su portali web dedicati nonché sulle televisioni all-news oggi alla portata di tutti con il digitale terrestre.

Fabio Mazzari
Gentile utente, ti ricordiamo che puoi manifestare liberamente la tua opinione con un commento all'articolo, che verrà moderato dalla redazione prima della sua pubblicazione. Affinché il tuo contributo possa essere pubblicato, dovrà attenersi alla Policy di utilizzo del sito: evita gli insulti, le accuse senza fondamento e mantieniti in topic.

Commenta l'articolo

Il tuo indirizzo e-mail non sarà pubblicato* Campi obbligatori *

*

Torna ad inizio pagina