Home | Cavalli | Un cavallo al G3

Un cavallo al G3

Stamattina, mentre facevo uscire le papere mi arriva una telefonata da un numero fisso. Erano le 7:30, e mi chiedo chi sia a quest’ora…

Carabinieri! Avete un vostro cavallo al G3. Uno stallone nero. Uhm, non abbiamo stalloni neri.

Chiedo a Joseph di controllare se manca un cavallo. Magari la descrizione non è accurata. No, niente. Vabbé, rispondo ai carabinieri della pattuglia che facciamo un salto al G3 per dare una mano a prenderlo. Così Aniceto ed io andiamo al G3 (per chi non lo conoscesse, il G3 è un quartiere di Novi, vicinissimo alla nostra scuderia, come si vede dalla foto messa in questo post).

Arriviamo, ma è già legato a un albero, nel grosso piazzale del G3. Nostro non è. Un castroncino piccolino, non ferrato, che quasi certamente era al prato (aveva la capezza, e incrostazioni tipiche da “rotolamento beato nel fango”). Arriva Firpo, il veterinario dell’ASL, per individuare il numero di microchip. Ma non ha microchip. Il proprietario non si trova: arrivano alcuni possibili “candidati”, ma niente.

Ormai sono le 9. Morale: i carabinieri ci chiedono se lo possiamo tenere noi mentre cercano il proprietario. Così la Bellaria si ritrova un ospite in più: Aniceto l’ha portato con la lunghina dal G3 alla scuderia.

Ecco la breve strada da percorrere, tratta dalla nostra pagina dove siamo:
Il percorso dal G3 alla Scuderia
Il cavallo era nella piazza indicata con i sensi unici.

Il cavallo è molto tranquillo, ed è stato rifocillato e soprattutto dissetato.
Eccolo qui, nella sua sistemazione temporanea:

Il nostro ospite temporaneo

Attendiamo che qualcuno si faccia vivo

Aggiornamento: trovati i proprietari, che sono venuti a riprenderselo. Il “ritrovamento” è stato semplice: si sono accorti che gli mancava un cavallo, per cui han telefonato in giro, presumibilmente anche ai carabinieri che ci hanno avvertito. Dopo aver chiesto ed ottenuto l’ok dai carabinieri e dal veterinario ASL, abbiamo riconsegnato il cavallino.

Gentile utente, ti ricordiamo che puoi manifestare liberamente la tua opinione con un commento all'articolo, che verrà moderato dalla redazione prima della sua pubblicazione. Affinché il tuo contributo possa essere pubblicato, dovrà attenersi alla Policy di utilizzo del sito: evita gli insulti, le accuse senza fondamento e mantieniti in topic.

2 commenti

  1. E dovevi dircelo tu? Spero che la gente sia un po’ più sveglia dal diversi far spiegare anche queste cose.

Commenta l'articolo

Il tuo indirizzo e-mail non sarà pubblicato* Campi obbligatori *

*

Torna ad inizio pagina